Arbutus o Corbezzolo

Ericaceae

 Genere di 20 specie di grandi arbusti e alberi sempre verdi, rustici e semi rustici. Sono coltivati per il loro bel fogliame; i fiori, a forma di orcio, sono rossi, commestibili ma insipidi. Inoltre, alcune specie hanno corteccia molto ornamentale. Quasi tutte le specie fioriscono quando sono ancora giovani.

A. andrachne. Europa sud-orientale, Asia Minore. Altezza 4-9 MT, diametro 2,5-4MT. Questo arbusto o albero delicato quando giovane, ma rustico da adulto. La cortecia liscia con ritidoma di colore rosso-cannella. Le foglie, coriacee, verde scuro superiormente e verde chiaro sulla pagina inferiore, sono ovato-oblunghe. I fiori, bianchi, sbocciano in marzo-aprile, riuniti in pannocchie lunghe 5-8 cm; i frutti, a superficie scabra, sono rosso-arancio.

A. X hybrida, Europa sud-orientale, Asia Minore. Altezza fino a 3 metri, diametro 2-2,5 mt. E' un ibrido naturale fra A. Andrachne e A. Unedo, con bella corteccia color cannella rustico dappertutto, tranne che nelle zone a clima invernale molto freddo. Le foglie, verde scuro, ovate, leggermente coriacee, sono dentate ai margini.I fiori bianchi-avorio, riuniti in pannocchie terminali, lunghe 7-8 cm e pi, compaiono in marzo-aprile. I frutti, rossi, vengono nprodotti raramente. 

A. Menziesii. California e Columbia Britannica. Altezza 5-10 mt., diametro 2,5-4mt. Questa specie, con corteccia liscia color terra cotta rustica nelle zone mediterranee. Le foglie, verde scuro, lucide sulla pagina superiore, cerose sulla pagina inferiore, sono ovate, a volte dentate, me nella maggior parte dei casi a margini interni. I fiori, bianchi, riuniti in pannocchie terminali erette, lunghe 22-23 cm., compaiono in aprile-maggio; sono seguiti da frutti globosi, rosso-arancio.

A. Unedo (corbezzolo). Europa meridionale, Italia, Asia Minore. Altezza 4,5-6mt., diametro 3mt o pi. Arbusto o piccolo albero con corteccia ruvida e stirata; rustico nelle zone litoranee della penisola, un elemento caratteristico della macchia mediteranea. Le foglie lucide, verde scuro, dentate, sono oblungo-lanceolate. I fiori, bianchi o rosa, riuniti in pannocchie terminali pendenti, lunghe 7-8cm., compaiono da ottobre a dicembre, spesso nello stesso momento in cui maturano i frutti, rosso-arancio, simili a fragole, prodotti dai fiori dell'annata precedente. In alcune regioni italiane i frutti del corbezzolo vengono impiegati per preparare marmellate e produrre acquavite.  

Tecnica colturale. Si piantano in ottobre o in marzo-aprile, in posizioni soleggiate, riparate dai venti freddi, su terreno non calcareo, ricco di humus, leggermente acido. Le piante giovani sono delicate e nelle zone fredde, in inverno, vanno protette con paglia; una volta cresciute, sopportano anche i freddi intensi.

Moltiplicazione. Si semina quando i semi sono maturi, generalmente in marzo, in terrine riepite con 2 parti di torba e 1 parte di sabbia, in cassone freddo. Quando Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si trapiantano in vasi di 7-8 cm., riempiti con composta da vasi John Innes n. 2; si pongono in un cassone freddo per 1-2 anni, rinvasando se necessario; in seguito, si mettono a dimora nella loro posizione definitiva, da marzo a maggio. Si possono pure moltiplicare gli Arbutus mediante talee, lunghe 7-10 cm., di legno semimaturo, in luglio: le talee si piantano in un miscuglio di tonba e sabbia in parti uguali, alla temperatura minima di 16-18C, in letto freddo; le talee radicate si trattano nel modo descritto per le piantine ottenute da seme.

Potatura. Non necessaria,; i germogli troppo fitti possono essere diradati tagliandoli a livello del ramo che li porta, in aprile. Si recidono i rami inferiori delle piante ben sviluppate di A. menziesii, per rendere visibile la corteccia.

 

 

 

la ditta armeni giardini  vi invita a venirci a trovare in via della macchiarella 128 A ostia antica  

[Inizio pagina]

Piante